Richiedi Info

Cenni Storici su Porto Torres

Porto Torres è una cittadina di poco più di ventimila abitanti situata nella costa nord ovest della Sardegna. Fondata da Giulio Cesare nel 46 a.C. con il nome di Turris Libisonis, diventò ben presto il principale porto sardo di comunicazione con Roma. La città era seconda in fatto di importanza solo a Karalis (Cagliari), e la presenza romana è chiaramente visibile tuttora dalle rovine conservate nell’Antiquarium Turritano (terme, mosaici, cinte murarie).

Porto Torres - Basilica di San GavinoLa città venne successivamente conquistata dai Vandali per quasi un secolo (455- 533 d.C.), e dai Bizantini, mentre nei secoli IX e X, con la formazione dei Giudicati, fu eletta a capoluogo del giudicato di Torres. In questo periodo fu edificata la Basilica di San Gavino, tutt’oggi il centro religioso più importante e più visitato della città.

Torre AragoneseUn lungo periodo di declino si ebbe invece con la dominazione Aragonese (della quale rimane la torre all’uscita del porto turistico), in quanto i trasporti navali vennero dirottati verso Cagliari ed Alghero. Miglioramenti notevoli si ebbero invece col periodo sabaudo (risistemazione del porto ed uffici amministrativi, unione definitiva tra le borgate del porto e del colle Angellu).

Dal 1962 la città fu il centro del boom industriale del nord Sardegna, con gli impianti petrolchimici della SIR e successivamente dell’ ENI. Il polo industriale venne lentamente smantellato a favore di una fabbrica basata sulla chimica verde.

Molto importante, dal 1998, è stata la chiusura del supercarcere dell’Asinara e la fondazione del Parco Nazionale dell’Asinara (la cui estensione ricade totalmente nel comune di Porto Torres).

By | 2017-05-18T23:30:51+00:00 febbraio 8th, 2017|Blog|